Visitate il mio sito....
Visitate il mio sito....
sito per autori emergenti
sito per autori emergenti

In Primo Piano

Gli infiniti volti dell'amore
Gli infiniti volti dell'amore
Molti di loro sono anche qui
Molti di loro sono anche qui
Claudio Barbero
Claudio Barbero

Scrivimi:

      Fai Click QUI

  Non mancate di visitare:

Autori Sognatori
Autori Sognatori

Antonio de Lieto Vollaro nasce a Catania nel 1958, dove vive con la moglie e tre figli. Poliedrico si caratterizza per le molteplici passioni che vanno dalla pratica sportiva (sci alpino, nuoto, judo, pallavolo, equitazione, pattinaggio sul ghiaccio e sub) all’interesse per le prime trasmissioni radiofoniche in FM locali e per la fotografia. Come fotografo è risultato tra i primi classificati in concorsi nazionali e sue immagini sono state pubblicate dalla rivista ‘Fotografare’ ricevendo, tra l’altro, la miglior critica per l’assenza di effetti speciali. Pubblica la sua prima raccolta di poesie L' amore spiegato dal cuore, Ibiskos di A.Ulivieri, Empoli (FI), nel 2005.

Intellettuale sensibile, particolarmente attento all’infanzia sofferente, pubblica il suo primo romanzo “A.M.I.C.A Disarmo Globale”, edito dalla Spampanato Marco Editore, Catania, dicembre 2002 e ne utilizza i proventi per fondare, nel 2003, l’associazione Onlus T.A.T.A A.M.I.C.A di cui è Presidente. Nel novembre 2003 pubblica una nuova edizione del primo romanzo col titolo ‘A.M.I.C.A TERRORE TELEMATICO’ edito dalla stessa associazione da lui fondata, alla quale ha ceduto i diritti d’autore.

Dopo aver  concluso la trilogia con il suo terzo romanzo, si sta cimentando nella stesura su un nuovo genere, totalmente diverso e realistico nella trama, con  nuovi personaggi, protagonisti d’azioni e missioni rischiose e pericolosissime, impegnati comunque nella lotta al crimine, senza che però l’autore abbia utilizzato le sue stranezze, fantasiose attingendo nel suo fantasioso pozzo. Intrighi internazionali ed amorosi, intercettazioni telefoniche su un trafficante d’organi, d’opere d’arte, di schiavi, ricercato da tutte le polizie del mondo, senza scrupoli, con un solo punto debolissimo. Lo scoprirete da soli dopo che sarà pubblicato.


I suoi libri

ENIGMA MORTALE

Prefazione 

 

Quale sarà la verità sulla profezia dei Maya? Un enigma mortale sta attanagliando l'intera umanità, già dai nostri giorni. Una Pandemia di un virus sfuggito dai laboratori, e unitosi ad un altro misterioso virus, di sospetta provenienza aliena, sarà la causa di morte di milioni di Vittime, oppure per un attacco terroristico di dimensioni ed atrocità, peggio del fatidico 11 settembre? Sarà quindi per mano dell'uomo, l'Olocausto del dicembre 2010,  ed probabilmente iniziato già da qualche semestre, oppure per cause naturali, meteo astronomiche? Una verità è stata interpretata nel romanzo, una diversa ed agghiacciante verità, difforme da quelle di moltissimi studiosi archeologi. A Natale, potrete leggere anche voi, con un rosario in mano e pregando, quale sarà il destino di tutti noi, su questa terra.

________________________________________________________

Nota dell’autore

 

E qui, finalmente avete tra le mani il mio terzo romanzo, quarta pubblicazione, considerando anche il volumetto di poesie, edito dalla Ebiskos Uliveri editore di Empoli. Se analizzo ciò che sono riuscito a realizzare in questi otto anni, di strada ne ho percorsa un bel po’finora, da farmi venire i brividi: la popolarità crescente dell’associazione, i venticinquemila visitatori del sito (nei suoi cinque anni di vita), grazie ai lettori che, sin dal primo romanzo, mi hanno seguito e sostenuto l’associazione, mi riempiono di gioia. Due sogni realizzati e il terzo in costruzione, che definirò realizzato, dopo che avrò visto l’associazione conosciuta ed attiva sia su territorio nazionale che oltreoceano.  

La strada da fare è tantissima e tutta in salita. Questo, però, non mi spaventa perchè possiedo un motore (determinazione, coraggio, intuizione) composto da una lega resistentissima in grado di girare al massimo, se nutrito da una energia potentissima e gratuita (disponibilità e cordialità) e di facile accesso a tutti. 

Molti lettori mi hanno chiesto l’origine del mio illustre cognome. A questi rispondo con una mia teoria di seguito riportata. La mia teoria prevede, infatti, tre tipologie di nobiltà. La prima rappresenta gli aspetti più inquietanti dell'essere umano (nullafacente, arrogante, discriminatoria, opportunista, incapacità contribuire allo sviluppo della società - rampolli smidollati, pronti a omettere qualunque valore). La seconda riproduce la vera classe nobiliare ricca sia economicamente che moralmente (sensibile verso i meno fortunati di loro, rispettosa di chi lavora ma, attenta a non contrariare i potenti) comunque, opportunista nell'ostentazione di quanto abbiano fatto, realizzato o donato. La terza, invece, riproduce la classe più nobile (sa ascoltare la voce del cuore e ha eletto migliaia di cavalieri al servizio dei deboli -derelitti, indifesi - bisognosi di cure senza avere in cambio null'altro oltre a stima e amicizia) non dipendente dal denaro o dal potere. Realizza se stessa attraverso il rapporto umano convinta che la  felicità è possibile solo nella misura in cui chi lo circonda è felice. Ė dotata di coraggio per respingere tentazioni di compromesso e riconosce solo la sua giustizia divina pertanto crede, profondamente che davanti a Dio si è tutti uguali. 

Io credo di appartenere a quest’ultima delle tre teorie esposte, anche se le mie origini appartengono alla seconda tipologia. Personalmente, mi sento ricchissimo sia per l’amicizia che per quanto, ho seminato ad oggi e lascerò un impero ai miei figli, lasciando loro in eredità pure l’obbligo di portare alta la nostra bandiera e buon nome. Certo senza soldi non si canta messa ma ho imparato, per esperienza personale, che se Dio vuole - e ha deciso così - ogni cosa verrà al suo momento, quindi non mi preoccupo più di tanto, come la realizzazione dell’opera che state leggendo.

Pertanto, per giustificare la grandiosità dei progetti umanitari nella narrazione, dal primo al terzo romanzo, ho fatto un mix di appartenenza nobiliare del protagonista. Era necessario farlo appartenere a una famiglia reale e nobile, soprattutto internamente, dedita tutta al proseguimento del buon vivere delle persone governate, con particolare attenzione ai bambini in quanto sono “il futuro e il patrimonio di ogni umanità”. 

Chi ha letto le mie prime due note, ha avuto modo di seguire l’iter evolutivo dello stile e del mio modo di narrare, mantenendo un aspetto religioso di fondo. In questo romanzo, il lettore, potrà notare una diversità filosofia da me assunta rispetto alla non violenza. Qui il lettore troverà un personaggio accomunato alla quotidianità di tutti, nell’affrontare problematiche nuove e prendere decisioni che contrastato con le sue stesse ideologie. Per volontà di Dio, sono riuscito ad andare a Lourdes e a poter dare la testimonianza e condividerla con tanti, in questa nota, d’essere stato esaudito dalla Santissima Immacolata Concezione, in tutte le mie richieste e preghiere. Invito tutti, come da decenni ho fatto io, e come chiede Nostro Signore, di rimettere nelle sue mani, la nostra vita e la nostra famiglia, certi che verrà protetta più come desideriamo e potremmo fare, noi, e dedicarci al prossimo con la massima disponibilità, con la quale desideriamo che altri facciano lo stesso con noi nel momento del bisogno.  Io sono andato a Lourdes e ho pregato per tutti i bambini del mondo, per tutti coloro che sono vittime di guerre, violenze, abbandonati, e di guarire e donare loro la speranza di una nova vita, e serenità per i loro genitori. Ho pregato per altri, per coloro che vedevo li, andati in pellegrinaggio di ogni età. Ho ringraziato la Santissima Immacolata Concezione, per avermi benedetto e fatto sentire dentro di me la sua luce e potente energia dell’amore, donandomi un fortissimo accrescimento spirituale. Sento che ha lasciato pure a me un semplice messaggio da trasmettere a tutti: la fede è una potente energia d’amore di Dio e va alimentata continuamente, prodigando la Sua parola, con la semplice nostra testimonianza. L’anima è luce della Sua Luce e noi la teniamo coperta dal scuro telo dei nostri peccati e di perseverare di vivere nelle tenebre e non fare nulla per liberare l’energia della luce della nostra anima. Paragonate la nostra anima ad una lampadina ed immaginate una sala enorme, scarsamente illuminata da poche anime che vivono nella grazia di Dio. Togliamo il telo scuro dei peccati e facciamoci irrorare dall’energia della sua Santissima Luce ed finalmente, tutti insieme, illumineremo il mondo da farlo spendere come una stella nell’Universo. E’ un messaggio semplice, come semplice è il paragone suggerito di farvi, ma grande e forte, è il mio entusiasmo che abbiate percepito nel leggerlo.

Questo terzo romanzo lo dedico a tutti i genitori e i loro ragazzi - ansiosi di crescere per di dimostrare a mamma e papà d'esser capaci volare da soli, anche se spesso li tengono in ansia e tensione. Abbiamo l’obbligo di seguirli, educarli alla vita e alla professione da loro scelta, fin quando siano in grado di sapersela cavare. L’importante far sentire ai figli il nostro sostegno e la capacità di condividere con loro, le scelte prese. Dedico questo libro anche alle persone care, scomparse prematuramente, già citate anche nei due romanzi precedenti: Rosy, Antonio Duscio e, a mio padre, sempre presente nel mio cuore e saggio consigliere delle mie attuali scelte di vita.


In fede

Antonio de Lieto Vollaro


A.M.I.C.A. TERRORE TELEMATICO

Prefazione


“A.M.I.C.A., Terrore telematico”.
Uhm, chissà di cosa tratterà questo libro, vi starete chiedendo, un po’ interdetti di fronte all’ambiguità di un titolo, il cui tenore farebbe pensare magari ad un thriller o una mistery story, sulla scia dei vari Stephen King, Patricia Cornwell o del nostro Carlo Lucarelli.
Niente di tutto ciò. La prima fatica letteraria di Antonio de Lieto Vollaro potrebbe appartenere, se proprio vogliamo darle una connotazione di genere, per lo più alla “science fiction” degli anni ’40, quella delle prime opere di Asimov e Van Vogt, per intenderci, con le dovute deferenti cautele. In realtà la fantascienza rappresenta soltanto l’ingrediente base di un variopinto cocktail narrativo fatto di avventure per ragazzi, sfumature gialle da spy story anni ’60, con tanto di agenti segreti invincibili ed ipertecnologici, condito dalle immancabili venature rosa. A completare la mistura, qualche spruzzatina di fantapolitica, che con ironia intende riscrivere drammatici episodi della storia, passata e recente, formulando fantasiose ipotesi su come potrebbe cambiare il mondo se dietro governanti e politici ci fosse un’invisibile ed enigmatica guida illuminata…
L’inedito mix, dati gli eterogenei componenti, possiede indubbiamente una buona dose di originalità e freschezza che unitamente alla assoluta mancanza di pretenziosità conferiscono a questo romanzo breve una scorrevolezza e leggerezza di tocco in grado di supplire alle inevitabili ingenuità di certi dialoghi e all’inverosimiglianza di alcune trovate. 
La trama è ricca di riferimenti alle nuove forme di comunicazione elettronica, l’attuale “rivoluzione telematica” (da cui il titolo), così come richiama molto le atmosfere di certi telefilms anni ’70 quali “Spazio 1999”, “U.F.O.” o “Star Trek”, con quei personaggi tagliati con l’accetta, dove il discrimine tra il bianco e il nero era netto ed individuabile come tra i supereroi e i criminali dei fumetti americani della Golden Age, da Flash Gordon a Superman.
Il pregio maggiore del racconto è tuttavia l’estrema imprevedibilità dell’intreccio, caratterizzato da un’inesauribile creatività che rende la lettura avvincente e mai noiosa.
E se è vero, come disse una volta lo scrittore Alessandro Baricco, che “la letteratura è ritmo”, allora possiamo affermare che de Lieto è sulla buona strada.  
________________________________________________________


Note dell'autore


Sono un uomo comune lontano dal mondo della cultura e della letteratura e pertanto ancora più felice di essere stato, almeno per una volta, autore anch’io.

Dedico questo libro, in particolar modo, alla mia cara amica Rosy, la cui forza nel lottare fino alla fine contro una delle più gravi forme leucemiche ha insegnato a me ed a mia moglie quanto l’uomo sia piccolo ma possa, nello stesso tempo, essere grande nell’affrontare qualcosa che non conosce se non quando c’è dentro fino al collo.

Lo dedico ad Antonio, un ragazzo di vent’anni, fratello di una compagnia di scuola di mia figlia, scomparso anch’egli a causa dello stesso male.

Così come ho ideato e scritto, nel mio piccolo, pensando ai tanti altri bambini e persone aggredite ferocemente da tutti quei mali ritenuti finora incurabili.

Spero che la morale del libro possa essere profetica e, per quanto sia difficile immaginare un “mondo perfetto”, auspico la scomparsa di ogni violenza e malvagità presenti in esso così come la soluzione pratica a tutte le patologie virali e genetiche.

Mi sto prodigando affinché A.M.I.C.A. diventi una realtà e non semplicemente il titolo di un romanzo “per ragazzi”; il suo obiettivo primario è mirato alla copertura completa dell’assistenza sanitaria verso tutti quei bambini poveri, orfani o vittime di guerra che necessitano di interventi chirurgici urgenti e non hanno nessuno ad assisterli.

Il secondo passo sarebbe quello di crescere fino a divenire un’associazione seria ed autorevole capace di collaborare con tutte le altre associazioni no profit operanti nel panorama sociale ed umanitario.

Mi auguro che il senso vero di questo libro possa essere raccolto specialmente da persone illustri ed influenti che vogliano identificarsi anche loro quali “cavalieri” dell’A.M.I.C.A. per farla crescere sempre più donando al mondo una realtà che non sia fantascienza.

Infine, ma non in ultimo, dedico questo lavoro, alla memoria di mio padre scomparso prematuramente a causa di un tumore al colon. Sono certo che sia stato lui, grande maestro di vita, a spingermi nell’avventura dello scrivere.

Una nota ancora, per concludere, la rivolgo alle vittime di attacchi terroristici di qualunque nazione o religione d’appartenenza senza per questo voler scadere nel qualunquismo.

Colpire i civili è sempre stato un atto criminoso e vigliacco, soprattutto non giustifica mai nessuna causa ma ne inasprisce gli assurdi effetti. 

Ogni volta che ciò accade ne rimango scosso, scioccato. Come tanti tra noi.

Condanno ogni atto che vada a ledere la dignità ed il diritto alla vita del prossimo. 

In particolar modo penso ai bambini, spesso dimenticati, che rappresentano il futuro di noi tutti. Ricordo ai lettori che “per ogni bambino che nasce noi adulti diventiamo subito debitori nei suoi confronti poiché gli prospettiamo violenze e soprusi e non certo l’amore in cui dovrebbero crescere e di cui dovrebbero nutrirsi. Dobbiamo noi tutti, sentirci obbligati, di sdebitarci aiutandoli al meglio delle nostre possibilità”.

Quale Autore di questo libro dichiaro che il ricavato della mia percentuale sui proventi della vendita dello stesso e delle eventuali future edizioni sarà destinata all’associazione:T.A.T.A-A.M.I.C.A.  e ai progetti di prima necessità, dell’UNICEF italiana, affinché le stesse possano perseguire con successo il proprio obiettivo di pubblica utilità.


 L’Autore

 Antonio de Lieto Vollaro



INDIETRO NEL FUTURO

Atti d'amore e surreali percezioni

Prefazione


Leggere il romanzo, “INDIETRO NEL FUTURO - Atti d’Amore e Surreali Percezioni” di Antonio de Lieto Vollaro, è stato come essere in “battaglia”. Una battaglia in cui la necessità di un rapporto razionale con le parole viene soppiantata dal piacere di lasciarsi trasportare dalla fantasia che, senza darmi tregua, tenta di prendere più volte il sopravvento.


Nel leggere alcuni periodi mi è più volte sorta spontanea la riflessione che Antonio volesse anticipare, con le parole, come d’altra parte hanno fatto molti autori prima di lui (soprattutto quelli fantascientifici) ciò che in un futuro abbastanza vicino potrebbe rivelarsi realtà. In particolare sono rimasta sbalordita dalla descrizione che l’autore fa, sottolineandone tutte le peculiarità, dei mutamenti sia “temporali” sia “fisici” che si verificano in alcune circostanze imbrigliando l’immaginazione dei comuni mortali, come me, tra le maglie della sua fantasia. E, cosa sbalorditiva, lo fa conservando le caratteristiche umane con le sue paure e le sue debolezze, la sua curiosità e le sue aspirazioni, i suoi pregi e i suoi difetti narrati, sempre, nel rispetto della persona.


Pur affermando sentimenti “forti” de Lieto vollaro si serve di “parole pulite e sincere” da cui traspare il senso di responsabilità che caratterizza chi, nella vita, si è posto come obiettivo primario l’abbattimento dello sfruttamento esercitato sui minori e di migliorare le condizioni di vita per tutti. Come un artigiano, certo della qualità della sua produzione, Antonio assembla le parole con l’equilibrio del cesellatore che, prima di costruire il suo pezzo, ne scompone e ricompone i singoli segmenti che concorrono alla realizzazione della foggia desiderata. 


Lo fa sempre, sia quando descrive l’avventura spaziale che fa vivere ai protagonisti momenti di ansia, sia quando ci racconta della coppia che torna sui luoghi che hanno assistito al loro primo incontro. Lo fa quando a parlare è il padre “lo scienziato super” e quando ci descrive l’irruenza di giovani “superdotati” o, in quanto fa dire a Luigia, madre turbata da realtà sconvolgenti. Qui sta, secondo me, la forza del suo romanzo che, come succede con le storie fantasiose di Gianni Rodari o, quelle dolorose di Pier Paolo Pisolini, ci catturano in una trappola che costringe il lettore a mantenere, nonostante il sonno, gli occhi aperti per conoscere l’esito della storia.


Realistica m’è parsa anche la parte dove racconta dell’amico, creduto morto arso vivo, che spiega la metodologia impiegata dall’équipe medica per ricostruirgli l’epidermide inducendomi a un parallelismo con quanto avvenuto con il dibattito, a cui non eravamo preparati, sulle “cellule staminali”. Con noi divisi da preconcetti e incapaci di analizzarne i possibili benefici per l’essere umano, esso si è concluso con la negazione di “un aiuto possibile” verso chi soffre e l’atroce dubbio che, forse, non abbiamo fatto la scelta migliore. 


Altrettanto realistico m’è sembrato il passo relativo ai giovani e al loro modo di intervenire contro la banda di studenti strafottenti che mi ha fatto riflettere sul fenomeno del bullismo terribilmente in crescita anche nel nostro Paese.


E cosa dire della metafora con cui Antonio paragona il trascorrere del tempo in una ‘cerniera lampo’ “… man mano che va chiudendosi, copre dietro di sé, punto dopo punto, tutti i ricordi, conservandoli dentro di noi insieme alla spensierata giovinezza. E, come capita a qualunque zip di una comune cerniera lampo, s’inceppa ogni tanto, ma basta un atto d’amore per lubrificarla e far sì che la vita scorra serena per tutti…”. 


Qui ritrovo l’Antonio “Poeta” che ho conosciuto. L’artista che ama caratterizzarsi per la sua “Sicilianità” e per il suo modo di scrivere che solo un poeta può fare.


Paolina Carli


___________________________________________________ 

Note dell'autore


Noi siamo soltanto,

una matita nelle sue mani

(Madre Teresa di Calcutta)


 

Sono trascorsi ben cinque anni dalla pubblicazione del primo volume. Un periodo intenso e intriso d’eventi straordinari succedutesi velocissima-mente. Una divagazione temporale della mia vita in cui si sono integrati avvenimenti che mai avrei immaginato di poter vivere in prima persona: “la realizzazione di entrambi i miei due sogni”. Iniziai timidamente a scrivere i capitoli del primo volume che, successivamente, pubblicai con un editore locale. In seguito, grazie al ricavato delle copie vendute, costituii l’associazione onlus T.A.T.A A.M.I.C.A. (nata per creare un fondo d’emergenza al fine di sostenere i costi sanitari d’interventi chirurgici di trapianti o di sinistri dei quali sono vittime i bambini, in particolar modo quelli indigenti, al fine di abbreviarne i tempi d’attesa, con appelli per mezzo dei mass media e giornali). Due sogni utopici realizzati grazie alla mia fede in Dio, alla mia caparbietà e determinazione nonché a tanti amici che mi sono stati vicini il cui aiuto si è rivelato essenziale per il raggiungimento degli obiettivi che mi ero prefissato.


Con il mio primo volume (A.M.I.C.A TERRORE TELEMATICO) ho voluto far rivivere principi morali persi nel tempo sottolineando che la violenza “nuda e cruda” chiama altra violenza. In questo volume, invece, ho voluto descrivere momenti particolari, collegati tra loro da un sottilissimo filo logico, vissuti, anche se in modo differente, da persone diverse per età, sesso religione, razza e nazionalità. Non mancano suspense e momenti tragici, miscelati da altrettanti istanti dolci e romantici. Augurandovi una buona lettura, lascio a voi scoprire quale possa essere l’altro filo conduttore del romanzo.


Gli aneddoti raccontati anche in questo volume si riferiscono a fatti realmente accaduti recuperati qua e la o ricordati con difficoltà poiché trattasi di storie raccontatomi quand’ero molto giovane da Steve (stesso nome del protagonista che andrete ad incontrare) un militare americano reduce dal Vietnam. Dal romanzo potrete, comunque, verificare che la mia immaginazione va oltre i confini della fantascienza e che mi piace anche stupire il lettore aggiungendo un pizzico di poesia e romanticismo a situazioni reali.


Dedico questo volume alle stesse persone cui ho dedicato il mio primo libro ma le rinomino solo per ricordarle a tutti: Antonio, Rosa e mio padre Domenico (scomparsi tutti per un male che, ancora oggi, accomuna tante persone) angeli custodi sempre pronti a sostenermi nella mia avventura di solidarietà verso coloro che lottano giornalmente contro la morte.

Lo dedico alle vittime del terrorismo (e di qualunque altra forma di violenza) ai loro parenti - soprattutto ai bambini, figli e nipoti - e a chi, consapevoli della difficoltà di dover fornire risposte ai loro “perché”, “dove sono andati” e “perché sono senza gambe e senza braccia”, se ne assume l’impegno di crescerli e di educarli. Lo dedico anche a chi saprà dir loro che “non è Dio a punirli” ma la stupidità degli adulti e a chi coltiverà la genuinità infantile e la loro fede in Dio affinché siano pronti a difendere il loro futuro e quello dei loro figli e a chi ha il coraggio di contribuire alla costruzione di una società in cui l’amore e la fratellanza prevalgono sull’invidia, gelosia, avidità, venalità, per i loro figli e per tutti i bambini.

Cari amici, lettori, le domande sono tante, e vecchie come il mondo, ma chissà perché prepotentemente d’attualità, anche nel nuovo terzo millennio.


Antonio de Lieto Vollaro




Dove trovarli

Potete trovarlo su:

www.sbcedizioni.it, oltre a quello dell'associazione www.tataamica.org. Inoltre è
reperibile in ogni libreria ON LINE e in tutt'Italia.

I commenti su Antonio

Commenti: 8
  • #8

    Book Evolution Edizioni (martedì, 14 febbraio 2017 17:38)

    Salve a tutti, siamo una piccola casa editrice che da pochi anni ha iniziato a muoversi nel mondo dell’editoria multimediale. Il nostro progetto è quello di crescere e per questo siamo alla ricerca di autori con i quali poter collaborare. Proprio pensando ai nostri autori abbiamo creato una proposta editoriale davvero unica: con un contributo spese di euro 390,00 sarà possibile stampare 100 copie (15x21) di un’opera fino a 100 pagine con studio della grafica di copertina, assegnazione di un codice ISBN, inserimento nei principali bookstore e nel nostro catalogo on-line. Sarà inoltre sempre presente personale qualificato durante tutta la fase di preparazione e di pubblicazione del libro.
    https://www.facebook.com/bookevolution.edizioni.9/?fref=nf
    http://www.bookevolution.it/
    https://twitter.com/book_evolution
    Gli autori che hanno già pubblicato con noi sono rimasti ampiamente soddisfatti oltre che per l’evidente rapporto qualità/prezzo, sempre più raro in questo settore, anche per il risultato finale, altamente professionale. Basta cliccare su
    http://www.bookevolution.it/recensione-di-una-nostra-autri…/
    http://www.bookevolution.it/quello-che-dicono-di-noi-book-…/
    per averne la prova.
    Cerchiamo semplicemente persone che hanno voglia di lavorare con noi così da poter diventare grandi insieme giorno dopo giorno.
    Contattateci per qualunque informazione. Noi vi aspettiamo.

  • #7

    audino m.teresa (martedì, 29 novembre 2016)


    PROPOSTA ARTISTICA INVITO PROMUOVERE PROPRIE OPERE IN EVENTO E TRASMISSIONE TV.

    Gentile artista
    la presente per informarla che MI.A.MI. M i l a n o A r t M o b i l e M u s e u m I n t e r n a t i o n a l, una realtà che promuove l’arte intellettuale e ospita artisti sia di arti figurative che espressive nei suoi eventi a carattere internazionale ai quali sono lieta di invitarla, e dove avrà la possibilità di essere intervistato dal Maestro Michell Campanle fautore e presidente del MI.A.MI nella sua trasmissione SEGRETI in onda sulla tv lombarda VIDEOSTAR TV . e promuovere le sue opere.
    Nel caso fosse impossibilitato a partecipare agli eventi, sarò lieta di parlare dell’opera che vorrà proporre. Verrebbe inoltre inserita nel sito ufficiale con testi e foto.
    Per ulteriori informazioni potrete contattarmi al n, 3207599199 -
    Nella speranza di fare cosa gradita nella speranza di annoveravi tra gli amici scrittori colgo l’occasione per porgere i migliori saluti.

    M.Teresa Audino rec. 3207599199

    PROSSIMO APPUNTAMENTO 13 DICEMBRE 2016
    Dalle 17,30 alle 20 ONVENTION
    DALLE E 20 IN POI CENA DI GALA
    Milano Cafe
    Via Procaccini 37, 20100 Milano

    audinomteresa@gmail.com
    miamimuseum.webnote.it
    https://www.facebook.com/MIAMI-Milan-Art-Museum-Inte
    MIAMI Milan Mobile Art Museum http://www.videostartv.eu/
    http://symposium.webnode.it/


    http://SYMPOSIUM.webnode.it/
    clicca qui sopra
    "Art for Peace"
    The 9th International Symposium of art Cultures & Traditions - Edizione 2 0 1 6
    mostre congressi multiculturalita'e spiritualita'per la pace, conoscenza, educazione e protezione dei popolo

    Aperte adesioni a relatori scrittori poeti attori musicisti danzatori
    corpi di ballo video-artists cineasti registi

    per presentazioni personali e collettive

    Info: mi.a.m.i. press office: 329.6553592- michellstudyforlight@gmail.com

    regolamento, programma completo e web-gallery espositori su
    :// galadellarte.webnode.it
    clicca qui sopra


    INAUGURAZIONE
    h17,30 Congresso multiculturale
    MARTEDI' 13 NOVEMBRE h20,45
    CENA DI GALA DELLE ARTI
    h21,45
    "8° GRAN PREMIO BELLE ARTI MILANO"
    INTERNATIONAL CONTEMPORARY ART EXHIBITION
    MILANO LOUNGE MUSEUM (10/12 - 31/12/2016)

    https://www.youtube.com/watch?v=0ced9vIgoAs https://www.facebook.com/events/1789055521351596/

    oltre 400 ospiti attesi!

    oltre 70 artisti ed espositori

    oltre 150 opere d'arte esposte!
    at

    "M I L A N O"

    THE NEW LOUNGE MUSEUM
    "..a new museum concept.."
    via Procaccini 37 Milano - (Zona Fiera-Cimitero Monumentale - MM Lilla P.za Gerusalemme - tram 10, 14 , 12, bus 43-57)



    con le riprese tv della

    7^ PUNTATA DEL PROGRAMMA TV "SEGRETI"
    http://mi-a-m-i-milano-art-mobile-museum-international.webnode.it/televisione-rubrica-tv-segreti/

    tutto su
    MI.a.m.i.
    M i l a n o A r t M o b i l e M u s e u m I n t e r n a t i o n a l - NO Profit Art Promotion & Communication
    rassegna stampa precedenti edizioni

    evento pubblicato su
    http://www.golfpeople.eu/?p=33214

    http://www.exibart.com/forum/leggimsg.asp?iddescrizione=212466&filter=

    http://www.finanzaediritto.it/articoli/the-5ymposium-the-5th-international-symposium-of-arts-cultures-and-traditions-10997.html
    http://www.lostrillo.it/index.php?de4fb9f8f530fcada9e15b0e68931266=55b327e435c565d8d0dfef6a631116c

    http://artesacracontemporanea.it/blog/portale.php
    http://www.eventiesagre.it/Eventi_Culturali/21068830_Milano+Arts+Festival.html
    http://www.lostrillo.it/showDocuments.php?pgCode=G20I207R2338&id_tema=3

    http://www.eventiesagre.it/Eventi_Culturali/21074711_The5ymposium.html

    http://www.undo.net/it/mostra/141302

    http://www.mdarte.it/rubriche/eventi/archivio/030612symposium.htm

    http://artetremila.altervista.org/blog/5%C2%B0-symposium-multietnico/

  • #6

    carlo giulio lorenzetti settimanni (sabato, 21 settembre 2013 17:57)

    marino de lieto era un caro amico di mio padre e anch'io da ragazzo ho avuto occasione di conoscerlo e di frequentarlo subendo il fascino di una personalità fuori dal comune in cui si alternavano gli interessi per la matematica e la musica (era un bravo organista) ad una vita avventurosa (guerra di spagna, duelli ) e picaresca. A volte andavo a trovarlo nella villetta di Marechiaro a Napoli e gli portavo del tabacco per la sua inseparabile pipa. Quando è morto in povertà ho provato sincero dispiacere. Gli volevo bene.

  • #5

    Dolorès (domenica, 24 marzo 2013 17:01)

    Monsieur,
    je vous écris pour savoir si vous faite parti de ma famille.
    Il mio nonno si chiama Marino De Lieto Vollaro (di san marino di san rosalia).
    Scusi del disturbo, pero ricerco le mie radice famigliare. merci de votre écoute,
    en attendant votre réponse, recevez mes cordiales salutations. Mme De Lieto Dolorés

  • #4

    marcello damiani (martedì, 24 aprile 2012 10:30)

    vi volevo segnalare il proprio sito web dove ho inserito una pagina per far conoscere talenti sconosciuti . La pagina del sito www.agendagiustizia.com è EVENTI/NEW TALENTI - Il sito ospita tutti i professionisti nel mondo. Uno spazio riservato personale ai nuovi talenti per farsi conoscere direttamente da altri professionisti di diversi settori nel mondo. Una galleria permanente di opere di talenti sconosciuti visibili subito oggi a 3000 iscritti all'Agenda Professionisti. Arrivare subito al consumatore finale.

  • #3

    Armando Cacace (mercoledì, 11 gennaio 2012 11:50)

    Buongiorno, volevo segnalarti un progetto editoriale rivolto agli autori emergenti molto interessante. Sul nuovo portale ndv-ebook.it diamo la possibilità agli autori validi di inserire il proprio libro all'interno del catalogo editoriale in formato e-book. Le commissioni per gli autori arrivano fino al 40% e tutti gli aspetti promozionali sono curati dal portale.
    Visita il nostro sito: www.ndv-ebook.it
    Troverai tutte le informazioni inerenti il nostro progetti e se interessato puoi contattarci alla mail:
    autori@ndv-ebook.it

  • #2

    Antonio de Lieto Vollaro (martedì, 23 marzo 2010 11:34)

    l'indirizzo esatto della casa editrice è www.sbcedizioni.
    it, oltre a quello dell'associazione www.tataamica.org. Inoltre è repèribile in ogni libreria ON LINE e in tutt'Italia.

  • #1

    Antonio de Lieto Vollaro (martedì, 23 marzo 2010 11:27)

    Questo è il vero indirizzo della casa editrice e cmq